Le Castagnole

Le castagnole sono un dolce tipico del Carnevale. La loro forma tondeggiante ricorda quella di una piccola castagna, per questo motivo si è scelto di chiamarla in questo modo.

La loro ricetta è molto antica, ed affonda le radici nella tradizione dolciaria dell’Emilia Romagna. Ma le castagnole sono presenti anche nelle tradizioni gastronomiche di varie regioni del centro e nord Italia come: Marche, Lazio, Umbria, Veneto, Liguria e Lombardia.

Si presentano come piccole castagne dalla superficie consistente e fragrante ricoperte di zucchero a velo, alchermes o miele.

Mentre internamente sono più morbide, e possono essere riempite con crema, ricotta, cioccolato o panna.

Vengono preparate fritte in olio bollente, oppure al forno, nel periodo che va dall’Epifania al mercoledì delle Ceneri.

Le nostre castagnole sono molto note per la loro doratura esterna, perché fritte sempre con olio di prima mano, che non riutilizziamo mai per fritture successive, assicurando sempre prelibatezza e salubrità.

Grazie a questo procedimento abbiamo raggiunto il perfetto equilibrio fra la consistenza esterna, che deve preservare la forma tondeggiante della castagnola, e la morbidezza interna, tale da provocare l’effetto “scioglimento nel palato” mentre la si mastica, grazie al ripieno di crema o ricotta di pecora.

Proponiamo anche la variante classica (ma non quella al forno) per chi preferisce le castagnole senza il ripieno.

Gelato artigianale

Dal 2014 insieme ad un nostro partner siciliano produciamo il gelato artigianale.

Lo proponiamo senza zuccheri aggiunti, e naturalmente con materie prime sempre fresche e selezionate con attenzione.

Inoltre cerchiamo di soddisfare chi, per scelta personale (vegetariani e vegani) o per motivi di salute, desidera un gelato privo di latte e uova, ma più digeribile e gustoso!

I nostri gusti si dividono in due linee:

I Tradizionali:

  • Stracciatella
  • Crema
  • Cioccolato
  • Pistacchio di Bronte
  • Zabaione
  • Nocciola

I Naturali (senza latte e uova):

  • Melone
  • Fragola
  • Nocciola
  • Limone
  • Coppa primavera

Da maggio a ottobre ti aspettiamo per accoglierti nel nostro ampio terrazzo con tutta la tua famiglia. Comodamente seduti assaporerete il nostro gelato artigianale, naturale e capace per la sua bontà di farvi “emozionare”.

Struffoli napoletani

Gli Struffoli sono una popolare specialità pasticciera napoletana preparata nel periodo natalizio. Esistono varie ipotesi sulla loro origine, ma appare attendibile che il loro nome derivi da verbo “strofinare”. Infatti durante la preparazione, le mani del pasticcere esperto, devono compiere il gesto di strofinare la pasta per poterla arrotolare, e poi conferirle la forma del cilindro allungato, che sarà tagliato in pezzettini a loro volta trasformati in piccole sfere cilindriche.

Gli ingredienti impiegati per creare queste morbide e golose palline fritte sono farina, burro, uova e anice.

Miele e confettini colorati  (a volte frutta secca) completano la ricetta, e danno  a questo dolce un aspetto colorato, dorato e gradevole anche alla vista.

I nostri Struffoli sono preparati con olio di extravergine di oliva mai riutilizzato per seconde fritture; infatti la crosticina caramellata rimane sempre molto dorata e fragrante anche per diversi giorni (se ben preparati si conservano per più di una settimana a temperatura ambiente).

Con un po’ di fantasia potrete abbellire le vostre tavole a Natale e Capodanno, presentando gli Struffoli napoletani su un ampio piatto nella tipica forma piramidale, oppure a ciambella. Ma lasciate spazio alla vostra immaginazione per creare altre forme, oltre a quelle che vi abbiamo suggerito.

Panpepato e Pangiallo

Tipico dolce di Natale, il Panpepato è molto diffuso nel Lazio, e in molti luoghi del Centro Italia: nasce infatti in Umbria, e precisamente a Terni. Le basi con cui si prepara sono semplici: la frutta secca, il miele, il cioccolato e le spezie. Il suo nome deriva proprio dall’uso indispensabile delle spezie, e degli aromi, che si utilizzano per prepararlo come il pepe, la cannella e noce moscata.

Naturalmente anche la nostra produzione segue le indicazioni trasmesse dalle ricette tradizionali. Ma cosa ha di speciale il Panpepato di Pulcinella e Rugantino? Sicuramente l’alta qualità delle mandorle e delle nocciole utilizzate: masticandole assaporerete la loro consistenza e fragranza in armonia con i sapori decisi del cioccolato fondente e dell’uvetta, uniti ancora con quelli più equilibrati della cannella.

Fra le nostre specialità romane natalizie, insieme al panpepato, proponiamo sempre il Pangiallo, un tipico dolce romano risalente all’età imperiale, diffuso ancora oggi in tutto il Lazio.
Dolce e dorato come il sole (la tradizione popolare dice che favorisse proprio il ritorno del sole), il Pangiallo è noto per la sua bontà grazie ad una ricetta ricca di ingredienti: miele, farina, cioccolato fondente, pinoli, mandorle, uva passa ed altri tipi di frutta secca a seconda delle varianti.

Un’altro ottimo dolce per arricchire la vostra tavola a Natale e Capodanno!

Bigne’ di San Giuseppe

Tipico dolce della pasticceria romana, il bignè di San Giuseppe, a Roma e nel Lazio viene preparato in occasione della festa del Papà.

La storia, o “il mito”, raccontano che San Giuseppe dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, dovette vendere frittelle per mantenere la sua famiglia dopo il lungo viaggio. Per questo motivo i bignè conservano ancora oggi il nome di San Giuseppe, per celebrare e festeggiare la festa del Papà.

Elementi caratteristici della ricetta sono la pasta choux (la stessa che solitamente viene usata per le pastarelle), la frittura nell’olio e il riempimento con la crema pasticciera.

Se l’olio è di qualità, così come la crema, i bignè di San Giuseppe assumono esternamente la tipica doratura che li rende immediatamente riconoscibili, anche grazie allo zucchero a velo con cui vengono ricoperti.

Ciò che distingue i nostri bignè di San Giuseppe, è la crema pasticciera che li riempie abbondantemente, ed il metodo di frittura, che li rende molto digeribili, grazie soprattutto alla qualità dell’olio.

Prenota i nostri bignè di San Giuseppe, e festeggia con più gusto la festa del Papà!

Crostatine assortite

Il nostro laboratorio artigianale è sempre alla ricerca di prodotti originali e caratteristici. Ci piace infatti proporre nuove specialità pasticcere ascoltando le idee dei nostri clienti, e poi trasformarle in ricette innovative, che nascono dall’elaborazione dei prodotti tipici della tradizione pasticciera artigianale romana e napoletana.

Le crostatine assortite di Pulcinella&Rugantino sono una specialità della nostra azienda dal 2013: da quando le abbiamo create, pian piano sono diventate uno dei prodotti più richiesti dai clienti. Visto il loro successo le proponiamo in diverse varianti:

  • Crema e visciola
  • Crema all’arancia e mandorla
  • Crema al pistacchio con cioccolato e granella di pistacchio
  • Ricotta e visciola
  • Ricotta e cioccolata
  • Ricotta e pere
  • Mela e cannella
  • Frutta

Potete gustarle in ogni momento della giornata: la mattina a colazione, il pomeriggio insieme al té, oppure dopo cena con gli amici e i famigliari. Le crostatine assortite sono anche un bel regalo per i vostri cari: se vi sembra un buona idea vi prepareremo una confezione gradevole e curata, che potrete ritirare con comodità presso la nostra pasticceria-caffetteria.

Pastiera artigianale

La pastiera è un antico dolce della tradizione pasticciera napoletana, preparato nel periodo pasquale. E’ considerata una delle più importanti specialità della cucina napoletana, e la sua notorietà è oramai diffusa in tutta Italia.

La pastiera napoletana si presenta come una torta di pastafrolla spessa e rotonda, ripiena di un gustoso impasto ricco di ricotta, grano bollito, uova fresche, spezie, canditi e aroma fiori d’arancio.

Possiamo far risalire l’origine della pastiera ai culti ed alle ritualità pagane, quando veniva preparata per officiare l’arrivo della primavera. Questa usanza pare fosse legata ad un’antica leggenda, che associa la creazione della pastiera alla sirena Partenope e al culto di Cerere: secondo questo culto, le sacerdotesse portavano in processione l’uovo simbolo di rinascita, che fu poi assimilato dal simbolismo cristiano, e in particolare a quello associato alla Pasqua.

Come ogni dolce legato alle tradizioni pasticciera, anche la pastiera conosce diverse varianti e accortezze, che le differenziano nella loro specificità.

La nostra pastiera napoletana è nota soprattutto per essere pastosa e profumata di fiori d’arancio; è gradita dai nostri clienti anche per la sua bella forma, che adorna le loro tavole nei giorni di Pasqua.

Maritozzo con la panna

Compatto, ma allo stesso tempo morbido. Generoso nella farcitura di panna montata sempre fresca. Ricoperto di zucchero a velo e insaporito con uvetta. I nostri maritozzi con la panna riprendono le principali caratteristiche della tradizione pasticcera romana.

L’origine storica  di questo tipico dolce risale al periodo della Roma Antica, in cui i Romani consumavano delle pagnottelle dolci con uvetta e miele. Mentre in epoca Medioevale veniva mangiato durante la Quaresima.

Il nome Maritozzo deriverebbe dall’usanza di offrire questo dolce alla propria fidanzata: le ragazze e future spose ricevevano infatti in dono questo delizioso dolce, e spesso chiamavano il loro fidanzato in modo burlesco “maritozzo”, secondo il gergo popolare dell’epoca.

Adatto per essere gustato a colazione insieme ad un buon cappuccino, ma anche per una ricca merenda nel pomeriggio, il maritozzo con la panna è una delle specialità della tradizione pasticcera romana più apprezzate dai nostri clienti. Molti di loro ci dicono che vorrebbero mangiarne due di seguito, soprattutto per il sapore zuccherino e delicato della panna, che si unisce con armonia all’aroma del cappuccino.